Cerca

Torre del Gallo, a ferro e fuoco

Fabio Catalano (Fp Cgil Pavia): nel carcere non ci sono le condizioni per lavorare in sicurezza e per scontare la pena con dignità
4 lug. – E’ letteralmente incendiaria la situazione al carcere di Torre del Gallo a Pavia. Alcuni detenuti hanno distrutto e dato fuoco alla cella, inscenato atti di autolesionismo, distrutto altre celle in cui erano stati spostati e allagato i bagni. “Il clima è teso e non aiutano le condizioni in cui i detenuti sono costretti a vivere”. A dirlo Fabio Catalano Puma, segretario della Fp Cgil Pavia. La categoria denuncia da anni le mancanze dell’istituto penitenziario, in termini strutturali e di uomini in servizio. “Non sono sufficienti gli attuali poliziotti penitenziari e il personale civile – denuncia Catalano -. I detenuti sono 680 a fronte di 500 posti letto. La direzione non ha dato finora risposte. C’è bisogno di lavorare in sicurezza e in serenità e di scontare la pena in carcere con dignità. Così non è possibile. Chiediamo ancora una volta l’intervento dell’amministrazione, non può restare in silenzio di fronte a quanto sta accadendo”. (aa)
angela.amarante | 04 luglio 2018, 09:57
< Torna indietro