Cerca

Ospedale di Codogno sotto salasso

La Cgil si oppone alla continua chiusura di servizi causata dalla mancanza di medici
14 mag. - Non c'è pace per l'ospedale di Codogno che, come denuncia Giovanni Bricchi della Fp Cgil Lodi, "continua ad essere svuotato, a perdere pezzi, nell'indifferenza politica verso donne, bambini e tutti i cittadini che hanno bisogno di assistenza sanitaria sul territorio". Dopo la recente chiusura del punto nascite, è stato chiuso anche il pronto soccorso pediatrico. Questioni di sicurezza. "Ovvero mancanza di personale indispensabile a far funzionare il servizio", sottolinea Bricchi. "E intanto le condizioni di lavoro di chi c'è continuano a peggiorare, la qualità dell'assistenza ne risente". La Fp e la Camera del Lavoro di Lodi non ci stanno. E denunciano: "Siamo certi che Asst e Regione abbiano messo in campo tutte le iniziative necessarie per creare le condizioni affinché i medici siano attratti verso l’ospedale di Codogno? O piuttosto il continuo impoverimento del presidio determina il venir meno delle condizioni minime di sicurezza e provoca la fuga o il mancato arrivo di ginecologi e pediatri? Noi crediamo sia vera la seconda". E' stato chiesto un incontro per capire quali siano le reali intenzioni delle istituzioni. Si parla di riaprire in futuro il punto nascite e il pronto soccorso pediatrico, sarà così? (aa)
angela.amarante | 14 maggio 2018, 08:32
< Torna indietro