Cerca

Nidi di Sesto San Giovanni / Bonfanti (Fp Cgil): non sono un costo ma un valore del territorio

Personale educativo insufficiente, servizio a rischio esternalizzazione. E relazioni sindacali nulle con la nuova l’amministrazione 
11 ott. – Con la nuova amministrazione, da luglio, a Sesto San Giovanni su servizi educativi e nidi sono iniziati i problemi. “Intanto non si sono mai presentati ai sindacati né hanno ancora risposto alla nostra richiesta d’incontro” afferma Alexandra Bonfanti della Fp Cgil Milano. Quali sono i problemi? “Partono da due delibere. Primo caso, lo spazio famiglia, condiviso da bimbi genitori e nonni: prima è stato chiuso e, dopo le proteste, riaperto ma con retta quintuplicata. Ciò significa meno iscrizioni e quindi la scusa per dire: ‘chiudiamolo”. E rispetto agli 8 asili nido? “Non ci sono sufficienti educatrici. Saturato il limite di spesa per i tempi determinati (che neanche bastano a garantire le sostituzioni maternità e l'intero orario per i bimbi con disabilità), il comune non riesce a regolare l’apertura del servizio. Fuori dalla fascia oraria 8-17 salta il rapporto numerico di 1 a 7 tra educatrice e bambini, che sono molti di più. C’è poi un altro nodo – continua Bonfanti -. In una delibera si indica che sono allo studio alternative, entro fine anno, per la gestione dei nidi. Non sarebbero esternalizzati i rapporti di lavoro ma si aprirebbe all’esternalizzazione del servizio”. Cioè? “Se, per ipotesi, tutte le educatrici venissero messe su 6 nidi, gli altri 2 potrebbero essere dati fuori. Intanto il comune ha bloccato le assunzioni per il 2018 , quelle del piano triennale avviato nel 2016 con la giunta passata”. Che fare? “Con le educatrici stiamo facendo opera di sensibilizzazione per costruire alleanze con le famiglie e i cittadini. I nidi di Sesto hanno una storia ben radicata, non sono un costo ma un valore del territorio. Chiediamo dunque all’amministrazione che prima delle delibere ci sia un passaggio sul tavolo sindacale, e non di ritrovarci davanti a cose fatte”.
tiziana.altea | 11 ottobre 2017, 09:31
< Torna indietro